Isolamento sociale degli anziani

Anziano Isolazione sociale

Il contatto diretto è risultato VITAL alla conferenza ATSA 2018

Punti chiave

  • Riduce solo il contatto FACE-TO-FACE, 3 volte a settimana, in particolare con la famiglia e gli amici isolamento sociale degli anziani e dimezza il rischio di depressione (1)
  • Gli anziani che usano video chat come Skype, ma non altre tecnologie di comunicazione comuni, hanno anche minor rischio di depressione (1b(aggiunto 2019!)
  • Studio statunitense: faccia a faccia quotidiana chiamate video migliorare la funzione cognitiva anziana, suggerita come demenza prevenzione / trattamento (1c
  • Studio nel Regno Unito: Chiamate video può rallentare il declino della memoria, con o senza visite regolari (1d(2021)
  • Studio britannico 2: Visite sociali e 2 attività possono ridurre il rischio di demenza (1e(2022)
  • 82% dei anziano sono disposti a provare la comunicazione video, che probabilmente contribuirebbe a prevenire la depressione (2)
  • Informazioni su 20% di anziano cambiano ciclicamente socialmente isolatoe la maggior parte (52%) di coloro che sono in cura per anziani ha almeno un sintomo della depressione (3)
  • Isolazione sociale e solitudine sono collegati ad un aumento della pressione sanguigna, scarso sonno, demenza, depressione e tassi di mortalità (4, 5, 6, 7, 8)
  • Come rischio per la salute, isolazione sociale è peggio del fumo (9)
  • Un videotelefono dedicato risolve le sfide di app, dispositivi e portabilità delle videochiamate per il socialmente isolato
  • La potenza del Wi-Fi, la velocità di uplink e la scelta di Internet sono fondamentali per le videochiamate di alta qualità
  • I terapisti occupazionali raccomandano le videochiamate per i loro clienti con qualsiasi esigenza chiave di 3
  • Esigenze chiave: il sociale isolato; quelli i cui accompagnatori vogliono effettuare il check-in visivo; quelli che lottano con telefoni o tablet ma vogliono una maggiore indipendenza
  • Un videotelefono dedicato come il Konnekt aumenta l'indipendenza e il contatto con i propri cari e integra le soluzioni di sicurezza

Documento di conferenza ATSA 2018

Contatto diretto per anziani o disabili socialmente isolati: tecnologie rivoluzionarie e approfondimenti su casi studio
- John Nakulski, co-fondatore, Konnekt

Isolamento sociale, demenza e depressione: cosa fare

Konnekt Videotelefono - Comunicazione con i propri cari

Articoli sull'isolamento sociale correlati

Soluzioni abitative indipendenti

Rimanere in contatto con gli anziani durante l'isolamento

Referenze e collegamenti alla ricerca

Riviste con articoli sull'isolamento sociale

Isolamento sociale degli anziani e solitudine - Risultati di ricerche e studi

  1. La mancanza di contatto faccia a faccia raddoppia l'incidenza della depressione
    Lo studio di 11,000 sugli anziani conclude il contatto faccia a faccia, 3 volte alla settimana, in particolare con la famiglia / amici, riduce l'isolamento sociale, dimezza il rischio di depressione. I guadagni derivati ​​durano anni dopo. Tuttavia, conversazioni telefoniche, comunicazioni scritte e contatti con altri (non familiari / amici) non hanno avuto alcun impatto misurabile. 
    Dr. Alan Teo Professor Oregon Health and Science University, Socializzazione faccia a faccia più potente delle telefonate, e-mail per la protezione dalla depressione negli anziani, Documento di ricerca OHSU 2015-10; pubblicato anche come AR Teo et al, La modalità di contatto con diversi tipi di relazioni sociali prevede la depressione negli anziani?, Journal of American Geriatrics Society, vol. 63, no. 10, pagg. 2014-2022, 2015.
    - - -
    1b. La chat video come Skype riduce il rischio di depressione (2019)
    Hanno partecipato oltre 1,400 anziani. Chi utilizzava le chiamate faccia a faccia aveva circa la metà delle probabilità di sintomi depressivi. Coloro che hanno utilizzato solo comunicazioni non video non hanno mostrato alcuna riduzione dei sintomi depressivi. Gli autori concludono che gli adulti più anziani che usano la chat video come Skype hanno un rischio inferiore di sviluppare la depressione.
    AR Teo, S. Markwardt, L. Hinton, Usare Skype per Beat the Blues: dati longitudinali da un campione rappresentativo nazionale, American Journal of Geriatric Psychology, vol. 27, no. 3, pagg. 254-262, 2019.
    - - -
    1c. La conversazione video giornaliera migliora la potenza del cervello
    Le chiamate faccia a faccia user-friendly hanno migliorato la funzione cognitiva nei soggetti con e senza demenza, suggerita come prevenzione della demenza e intervento / trattamento.
    H. Dodge, J. Zhu, N. Mattek, M. Bowman, O. Ybarra, K. Wild, D. Loewenstein, J. Kaye, Interazioni conversazionali abilitate al Web come metodo per migliorare le funzioni cognitive: risultati di uno studio controllato randomizzato della settimana 6, Alzheimer e demenza: ricerca traslazionale e interventi clinici, vol. 1, n. 1, pagg. 1-12, 2015.
    - - -

    1d. Studio nel Regno Unito: le videochiamate possono rallentare il declino della memoria (2021)
    Uno studio su oltre 11,000 anziani ha mostrato che sia le persone con e senza perdita dell'udito traggono beneficio cognitivamente (migliore memoria) dalla comunicazione online.
    S. Raffnson, A. Maharani, G. Tampubolon, Modalità di contatto sociale e traiettorie della memoria episodica di 15 anni negli anziani con e senza perdita dell'udito, I giornali di gerontologia, vol. 77, n. 1, pp. 10-17, 2022.
    - - -
    1e. Studio 2 del Regno Unito: le visite sociali e 2 attività possono ridurre il rischio di demenza (2022)
    Uno studio dell'Università di Sichuan e del Centro nazionale di ricerca clinica per la geriatria su oltre 5,000 adulti del Regno Unito ha mostrato che coloro che ricevevano visite sociali più frequenti avevano meno probabilità di avere la demenza fino a 11 anni dopo. Anche le faccende domestiche e l'esercizio fisico erano associati a una minore incidenza di demenza.
    J.Zhu et al, Attività fisica e mentale, suscettibilità alle malattie e rischio di demenza: uno studio di coorte prospettico basato sulla biobanca britannica. Neurology Journal, 99 (8), agosto 2022.
  2. Gli anziani vorrebbero le videochiamate
    82% degli anziani intervistati è disposto a provare la comunicazione video.
    D. Meyer, T. Marx e V. Ball-Seiter, Isolamento sociale e telecomunicazione nella casa di cura: uno studio pilota, Gerontechnology, vol. 10, no. 1, pagg. 51-58, 2011. 
  3. La maggior parte degli anziani sono depressi
    Oltre la metà (52%) delle persone in assistenza residenziale per anziani ha sintomi di depressione.
    Gli autori, Depressione nell'assistenza residenziale per anziani 2008 – 2012, Australian Institute of Health and Welfare, serie di statistiche sull'assistenza agli anziani, n. 39, cat. no. ETÀ 73, Canberra: AIHW, 2013. 
  4. Solitudine legata alla malattia di cuore
    La pressione sanguigna sistolica era di 14.4 mm peggiore dopo 4 anni tra il meno e il più solo.
    LC Hawkley e JT Cacioppo, La solitudine conta: una revisione teorica ed empirica delle conseguenze e dei meccanismi, Annals of Behavioral Medicine, vol. 40, n. 2, 2010. 
  5. Solitudine legata al sonno scarso
    La solitudine prevede un sonno frammentato nella certezza del 99%. Studio utilizzato polisonnografia.
    LM Kurina, KL Knutson, LC Hawkley, JT Cacioppo, DS Lauderdale e C. Ober, La solitudine è associata alla frammentazione del sonno in una società comunale, SLEEP, vol. 34, n. 11, pagg. 1519-1526, 2011.
  6. Solitudine legata alla demenza
    Studio su 2,173 anziani non dementi che vivono in comunità. Dopo soli 3 anni, coloro che avevano espresso sentimenti di solitudine avevano una maggiore incidenza di demenza. Conclusione: la solitudine è un importante fattore di rischio che merita attenzione clinica.
    TJ Holwerda, DJ Deeg, AT Beekman, TG van Tilburg, ML Stek, C. Jonker e RA Schoevers, I sentimenti di solitudine, ma non l'isolamento sociale, predicono l'insorgenza della demenza: risultati dell'Amsterdam Study of the Elderly (AMSTEL), J Neurol Neurosurg Psychiatry, vol. 85, n. 2, pp. 135-142, febbraio 2014.
  7. Mancanza di interazione sociale legata alla depressione
    Meta-studio ha combinato statisticamente studi multipli. Risultati: l'interazione sociale / amicizia fa diminuire i sintomi della depressione a breve termine (meno di 12 mesi) e a lungo termine (oltre 1 anno).
    N. Mead, H. Lester, C. Chew-Graham, L. Gask e P. Bower, Effetti dell'amicizia su sintomi depressivi e angoscia: revisione sistematica e meta-analisi, Br J Psychiatry, pp. 96-101, febbraio 2010.
  8. Isolamento sociale legato alla mortalità
    Circa 6,500 adulti di età superiore ai 52 anni dal 2004 al 5 Studio longitudinale nel Regno Unito sull'invecchiamento sono stati rivisti 8 anni dopo, nel marzo 2012. Quelli con un social network più ampio e maggiori contatti avevano circa la metà del tasso di mortalità (12.3% vs 21.9%).
    A. Steptoe, A. Shankar, P. Demakakos e J. Wardle, Isolamento sociale, solitudine e mortalità per qualsiasi causa negli uomini e nelle donne più anziani, Proc Natl Acad Sci USA, vol. 110, n. 15, pagg. 5797-5801, 2013.
  9. Isolamento sociale peggiore del fumo, obesità ...
    Meta-studio di 148 studi, 308,849 persone. L'assenza di relazioni sociali di supporto equivale, come fattore di rischio, agli effetti sulla salute del fumo di 15 sigarette al giorno. In 7.5 anni, gli individui con adeguate relazioni sociali hanno una probabilità di sopravvivenza maggiore del 50%; paragonabile a smettere di fumare o di bere e maggiore del rischio per la salute di obesità o inattività fisica. Nota dell'autore: decenni fa, la professione medica ha scoperto che i bambini sarebbero morti senza interazione sociale.
    J. Holt-Lunstad, T. Smith e J. Bradley Layton, Relazioni sociali e rischio di mortalità: una revisione meta-analitica, Public Library of Science (PLoS) Medicine, 27 luglio 2010.
Articoli precedenti
Prevenire chiamate indesiderate
pagina successiva
Prevenire truffe telefoniche e frodi
Menu