Prevenire la demenza

Come aiutare a prevenire la demenza

Si dice che la demenza sia la malattia più crudele perché causa due morti: la lenta estinzione della personalità, seguita dall'allontanamento dalla vita.

Se il tuo familiare ha la demenza, tu Materiale fare una differenza enorme. Continuare a leggere.

Un supporto efficace è gratificante

Supportare un genitore affetto da demenza può essere difficile e traumatico, ma può anche essere gratificante. Gli scienziati dell'Università di Pittsburgh Dr T. Inagaki e Dr. E. Orehek hanno identificato in a Articolo 2016 CDPS che quando viene percepito il supporto efficace, il supporto può anche beneficiare il caregiver, portando a riduzione dello stress, maggiore felicità e maggiore senso di connessione sociale.

Può persino esercitare una potente influenza sulla tua prospettiva.

Questo articolo ti convincerà che il tuo impegno sociale con la persona amata è vitale, soprattutto se è a rischio demenza.

Studio USA: la conversazione video ha migliorato la funzione cognitiva

Uno studio randomizzato ha dimostrato che basato sul web "faccia a faccia" la conversazione ha aumentato significativamente la funzione cognitiva dopo appena 6 settimane. L'età media dei partecipanti era di 80.5 anni. Al contrario, il gruppo di controllo, che ha avuto interazioni telefoniche solo audio una volta alla settimana, non ha riscontrato miglioramenti. Questo risultato suggerisce che la conversazione video potrebbe migliorare le funzioni cognitive e ritardare l'insorgenza della demenza.

Il documento di ricerca che illustra in dettaglio le conclusioni rivoluzionarie è stato pubblicato in 2015 e co-autore di importanti scienziati dell'Oregon Health and Science University, dell'Università del Michigan, dell'Università di Miami e del Portland Veterans Affairs Medical Center.

I partecipanti sono stati valutati su una metrica di demenza riconosciuta chiamata Clinical Dementia Rating (CDR). Hanno misurato tra 0 e 0.5 sulla scala, in cui 0 è considerato normale (per età) e 0.5 è classificato come deterioramento cognitivo lieve (MCI). Metà dei partecipanti sono stati selezionati senza demenza (CDR = 0) e metà dei partecipanti sono stati selezionati con demenza lieve.

I punteggi dei test cognitivi "prima e dopo" e i punteggi di solitudine sono stati confrontati tra il gruppo di intervento e il gruppo di controllo.

L'adesione alla routine di conversazione quotidiana è stata molto elevata, con conformità giornaliera da 77% a 100% (media: 89%). Non ci sono stati assolutamente abbandoni. Per aiutare a raggiungere un livello così elevato di aderenza, a touchscreen di grandi dimensioni monitor e a user-friendly l'interfaccia ha ricevuto un'attenzione speciale. Gli autori hanno osservato che rispetto ad altri metodi di stimolazione, come l'allenamento cognitivo invocato dal gioco, la conversazione faccia a faccia è più naturale, più coinvolgente e richiede meno motivazione.

I partecipanti con MCI (demenza lieve) migliorata nella loro velocità psicomotoria utilizzando valutazioni che includevano i test di rilevamento Cogstate, nonché il test A per la creazione di tracce.

I partecipanti cognitivamente intatti (quelli senza demenza) migliorato in modo significativo nel test di fluidità semantica effettuato a 6 settimane (immediatamente dopo lo studio). Anche i miglioramenti si sono dimostrati durevole, misurato dal test di fluidità fonemica effettuato a 18 settimane (12 settimane dopo la fine della sperimentazione). I conseguenti miglioramenti nella funzione del cervello esecutivo basata sul linguaggio suggeriscono che la conversazione faccia a faccia basata sul web può essere utilizzata come tecnica economica per la casa prevenzione della demenza.

Key takeaway:

  • Web based- la conversazione funziona e mostra i risultati dopo solo settimane 6! Questa è un'ottima notizia per i familiari troppo lontani da visitare, troppo occupati, privi delle risorse o incapaci di viaggiare spesso.
  • Solo 30 minuti al giorno del tempo faccia a faccia si è dimostrato efficace. Quindi, per esempio, chiamate video due volte a settimana, con ciascuno dei membri della famiglia 3-4, è tutto ciò che serve.
  • Quelli con e senza demenza beneficiato. Se hai parenti anziani che vivono da soli o all'interno di una struttura, non aspettare che inizi la perdita di memoria.
  • Solo audio l'interazione fa non producono lo stesso vantaggio (spieghiamo il motivo di seguito). Suggeriamo di "scambiare" o aumentare il normale telefono con un video telefono.
  • Studi pubblicati indicano che con l'età, motivi emotivi contribuire a stimolare il coinvolgimento e risultati migliori. Questo suggerisce quella conversazione video con la famiglia e gli amici, rispetto alla conversazione con il personale e gli estranei, è molto più probabile che garantisca aderenza e risultati positivi.
  • Più è, meglio è. Recenti studi di risonanza magnetica collegano il dimensione dei social network con la densità della materia grigia e con volume di amigdala. Questo suggerisce di impostare come molti familiari e amici il più possibile per prendere parte a conversazioni video.
  • A ampio touch-screen user-friendly l'interfaccia è la chiave per l'accettazione e l'adesione. La maggior parte degli anziani affetti da demenza avrebbe difficoltà con un iPad o un tablet. Richiedono un dispositivo intuitivo, come un videotelefono progettato specificamente per gli anziani e le persone affette da demenza.

Raccomandazione per la prevenzione e il trattamento

Gli autori dello studio suggeriscono che la conversazione video user-friendly potrebbe essere un utile approccio di prevenzione domiciliare contro il declino cognitivo. Lo studio è stato condotto da Professor Hiroko Dodge presso la Oregon Health & Science University (OHSU) e l'Università del Michigan ed è stato finanziato dal National Institutes of Health (NIH) negli Stati Uniti.

Leggi l'abstract e scarica il carta originale.

Konnekt ha assistito a risultati simili in prima persona (ma non in uno studio controllato). Crediamo che questo rivoluzionerà il modo in cui ci prendiamo cura dei nostri parenti anziani, sia quelli che vivono in modo indipendente sia quelli che si trovano in strutture di assistenza residenziale per anziani.

Nuovi studi misurano i benefici a lungo termine

I risultati dello studio di cui sopra sono stati così positivi che la dottoressa Hiroko Dodge ei suoi colleghi stanno attualmente conducendo 2 nuovi studi di follow-up per misurare i risultati di salute a lungo termine. Questi studi stanno quantificando l'impatto della conversazione faccia a faccia basata sul web sul ritardo nell'insorgenza della malattia di Alzheimer (AD) e sul ritardo nel declino cognitivo degli anziani con MCI (Mild Cognitive Impairment) nell'arco di 5 anni. Gli studi sono inoltre finanziati dal National Institute on Aging, una divisione del National Institutes of Health degli Stati Uniti.

Ricerca correlata: Leggi i riepiloghi, scarica articoli originali e guarda la nostra presentazione della conferenza 2018 sull'isolamento sociale degli anziani.

Studio nel Regno Unito: le videochiamate hanno aiutato a rallentare il declino della memoria

Un secondo studio separato condotto nel Regno Unito, che ha coinvolto oltre 11,000 persone di età compresa tra i 50 ei 90 anni, ha dimostrato che la comunicazione online con i video aiuta a ridurre il declino della memoria associato al morbo di Alzheimer e alla demenza.

I risultati hanno confrontato due gruppi: quelli che avevano solo comunicazione offline (di persona) e quelli che avevano anche comunicazione online (videochiamate). Il gruppo che ha partecipato anche alle videochiamate ha avuto un risultato chiaramente misurabile e superiore.

Funzione cognitiva migliorata per le persone con problemi di udito

La uno studio del 2021 , pubblicato negli stimati Journals of Gerontology, ha dimostrato che sia le persone con e senza perdita dell'udito possono trarre beneficio cognitivamente (migliore memoria) dalla videocomunicazione.

Gli autori dello studio medico includevano esperti sanitari di:

  • Geller Institute of Aging and Memory, School of Biomedical Sciences, University of West London, Regno Unito
  • Divisione di infermieristica, ostetricia e lavoro sociale, Università di Manchester, Regno Unito
  • Global Development Institute e Manchester Institute for Collaborative Research on Ageing, Università di Manchester, Regno Unito

Lo studio è tratto dall'English Longitudinal Study of Ageing, iniziato già nel 2002. Ilrefo, lo studio ha incluso un periodo di oltre 15 anni, evidenziando i vantaggi a lungo termine della conversazione faccia a faccia tramite Skype o piattaforme simili.

Come ritardare l'insorgenza della demenza o ridurre il rischio di demenza

Gli operatori sanitari raccomandano anche:

  • Dieta sana: Tagliare cibi zuccherati e refcarboidrati inati. Limita gli alimenti trasformati. Evita i grassi trans. Aumenta i grassi omega-3. Goditi frutta e verdura. Bere 2-4 tazze di tè al giorno. Mantieni l'alcool al minimo.
    Perché funziona: Essere in sovrappeso raddoppia il rischio di Alzheimer. Una dieta corretta può ridurre l'infiammazione, che danneggia i neuroni, e ridurre il rischio di diabete, che inibisce la comunicazione tra le cellule cerebrali. Inoltre, i grassi sani possono ridurre le placche beta-amiloidi.
  • Controlla la pressione sanguigna: Sottoponiti a controlli regolari e segui gli ordini del medico.
    Perché funziona: L'ipertensione è collegata alla demenza vascolare.
  • Esercitare regolarmente: 150 minuti di esercizio di intensità moderata a settimana, combinando cardio con allenamento della forza.
    Perché questo funziona: L'esercizio stimola la capacità del cervello di mantenere vecchie connessioni e di formarne di nuove.
  • Smettere di fumare: I fumatori di età superiore ai 65 anni hanno un rischio di Alzheimer superiore dell'80%.
    Perché funziona: Una migliore circolazione aiuta il cervello quasi immediatamente.
  • Gestisci la depressione: Identificare precocemente i segni di depressione e consultare un professionista della salute per il trattamento.
    Perché funziona: Gli episodi di depressione hanno un effetto fisico sul cervello. La depressione è collegata al rischio di demenza.
  • Dormi bene: La maggior parte di noi ha bisogno di 8 ore di sonno. Se russi, fai uno screening per l'apnea notturna. Mantenere un programma di sonno regolare. Limitare i pisolini ai minuti 30 nel primo pomeriggio. Evita TV, computer, cellulari e luci intense nell'2 ore prima di dormire.
    Perché funziona: Uno scarso sonno porta a livelli più elevati di beta-amiloide. Il sonno profondo è necessario per la formazione della memoria.
  • Stimolazione mentale: Impara qualcosa di nuovo. Divertiti con puzzle e giochi. Pratica memorizzazione. Varia le tue abitudini quotidiane.
    Perché funziona: Come l'esercizio fisico, la stimolazione mentale migliora la funzione cognitiva. Attività che coinvolgono più attività o che richiedono comunicazione e interazione offrire la massima protezione. Per questo motivo, l'impegno sociale è probabilmente la migliore forma di stimolazione mentale.
  • Impegno sociale: La comunicazione verbale con gli altri esercita memoria, abilità linguistiche, attenzione, funzione esecutiva e ragionamento astratto. Faccia a faccia la comunicazione si aggiunge significativamente a questo esercitando l'elaborazione visiva e il riconoscimento del modello, l'interpretazione dei movimenti facciali e del linguaggio del corpo che trasmettono significato ed emozione e l'uso coordinato di gesti e movimenti che sono collegati alle abilità psicomotorie.
    Perché funziona: A parte gli ovvi benefici dell'esercizio di più cervello rispetto ai puzzle solitari, l'impegno sociale con la famiglia e gli amici può effettivamente colpire ognuna delle altre raccomandazioni sopra:
  • Abbiamo maggiori probabilità di mantenere una dieta sana e l'abitudine all'esercizio fisico, rispettare i farmaci, notare episodi di depressione e seguire gli ordini del medico. Ci preoccupiamo di come guardiamo i nostri amici; si prendono veramente cura della nostra salute; e socializzare spesso implica la cura, il movimento e altre attività fisiche.
  • Abbiamo maggiori probabilità di mantenere un buon andamento del sonno. Mantenere gli appuntamenti sociali richiede di rimanere svegli durante il giorno e ci aiuta a stancarci per la notte.

In sintesi, impegno sociale faccia a faccia is importantissima per quelli con demenza o a rischio di demenza. Esercita le aree chiave del cervello e influenza positivamente gli altri principali fattori di rischio.

Ottenere il Konnekt white paper circa 8 modi per aiutare un genitore anziano con demenza.

Fonte:

Videotelefono per demenza

  • Il videocitofono aumenta in modo significativo "faccia a faccia" l'interazione sociale
  • L'aumento dell'interazione sociale faccia a faccia potrebbe essere un intervento promettente per migliorare la funzione cognitiva
  • L'interfaccia utente incredibilmente semplice promuove l'utilizzo e l'aderenza
  • Progettato specificamente per la demenza e quelli a rischio
  • Il videotelefono può rispondere automaticamente a chiamanti fidati, per la massima tranquillità

Scopri di più

Ricerche / studi più utili

L'isolamento sociale è legato alla depressione, al sonno scarso, all'ipertensione, alla funzionalità in declino e alla morbilità. Leggi i nostri facili riassunti o scarica documenti originali su isolamento sociale degli anziani.

Aiuta il tuo familiare o cliente

Scopri Konnekt Videotelefono per demenza. Per provare Videotelefono per il tuo cliente o familiare, semplicemente CONTATTACI e noi faremo il resto.

Articoli precedenti
Sicurezza domestica degli anziani
pagina successiva
Come migliorare la memoria - 3 modi

5 Commenti.

  • Dal Regno Unito: uno studio dell'Università di Exeter ha aumentato l'interazione sociale quotidiana dei residenti nelle case di cura (che avevano la demenza) da 2 minuti a 10 minuti. Questo ha migliorato il benessere e ha avuto benefici prolungati! Lo studio ha coinvolto i residenti di 280 e il personale di assistenza nelle case di cura di 24 per nove mesi.

    Questa è un'ulteriore prova dell'importanza dell'interazione sociale quotidiana!

    Leggi qui: https://www.eurekalert.org/pub_releases/2018-07/uoe-jtm072518.php

  • Carole Muir
    23/04/2019 12:45 am

    Mio figlio era solo 42 quando gli era stata diagnosticata una giovane demenza così salutare nel suo corpo che mangiava e l'esercizio fisico è morto ogni giorno luglio 30 2018 invecchiato 48 malattia più orribile

    • Mi dispiace molto sentire della tua perdita, Carole. Grazie per aver risposto al nostro articolo. Mia madre ha avuto la demenza durante i suoi ultimi due anni ed è stato un momento difficile per tutti noi. Era una delle due persone che erano ... come si dice ... le ragioni per iniziare Konnekt, e perché siamo appassionati di aiutare gli altri che devono affrontare la demenza. Non riesco a immaginare come ci si sente a perdere il proprio figlio a causa della demenza.
      Ho condiviso storie di diverse altre famiglie qui: https://www.konnekt.com.au/testimonials/

  • Chiunque soffra di nebbia cerebrale, perdita di memoria, depressione, cadute, tremori, problemi di deglutizione, incontinenza dovrebbe essere sottoposto a screening per una carenza di vitamina b12. Quante persone nelle case di cura se siamo sottoposti a screening e curati potrebbero tornare a casa nel proprio ambiente che vive una vita piena. Sfortunatamente c'è un'epidemia in tutto il mondo che si verifica a causa della mancanza di conoscenze mediche e di un difetto di vitamina b12 sierica di bassa gamma. In Giappone qualsiasi siero B12 inferiore a 500 viene trattato con conseguente pochissima demenza. In confronto a quella australiana la gamma bassa B12 è scesa a 135 pmol/l in alcuni laboratori, il che è spaventoso. Mio marito ed io siamo entrambi vittime di danni permanenti ai nervi a causa di una diagnosi errata. Guarda i video su b12awareness.org per vedere casi di diagnosi errate e la devastazione provocata dalla carenza di vitamina B12 non solo negli anziani ma anche nei giovani.

    • Ciao Marilyn,
      Grazie per aver scritto.
      Non ho un background medico ma la mia lettura conferma le tue osservazioni, come segue:
      1. A livello internazionale, il "basso livello" di B12 varia da 130 a 258 pmol/l mentre in Australia, la maggior parte dei laboratori di siero testano un "basso livello" di 220 pmol/l.
      2. L'incidenza della carenza di B12 aumenta con l'età (> 65 anni).
      3. Segni e sintomi di carenza di B12 possono includere demenza, depressione, affaticamento e cambiamento di personalità.
      4. Ora ci sono linee guida che raccomandano i test di livello B12 in cui vi sono segni di MCI o demenza nei pazienti anziani.
      5. Tra 15% e 40% dei pazienti con una bassa lettura sierica di B12 non hanno effettivamente un deficit di B12 dopo ulteriori indagini. Di conseguenza, un saggio relativamente nuovo ora misura i livelli attivi di vitamina B12.
      6. È estremamente raro overdose di vitamina B12. (Questo è in contrasto con alcune altre vitamine, come la vitamina A, dove dosi più elevate possono portare a problemi di salute). Dovresti prendere oltre 1,000 volte il fabbisogno giornaliero consigliato.
      7. La vitamina B12 dietetica è ottenuta da prodotti animali (latticini, carne, uova, pesce e frutti di mare). Una piccola quantità può essere ottenuta da batteri che si trovano su funghi shitake secchi non lavati, non sbucciati (al contrario della maggior parte degli altri tipi), semi di soia fermentati (in particolare tempe) e laver viola essiccata (nori o alghe).
      8. Gli autori dell'articolo sono rimasti sorpresi dal fatto che i vegani e i tossicodipendenti non siano menzionati nelle nuove linee guida.
      9. Esistono due diverse unità (come cm metrico e pollici imperiali) per misurare i livelli sierici di vitamina B12: pmol/l e pg/ml. Sii careful per non confonderli.
      10. Il Giappone ha alzato il B12 refgamma di riferimento a 500 – 1300 pmol/l negli anni '1980.
      11. Alcuni studi di ricerca suggeriscono che in alcuni casi, una carenza di vitamina B12 può causare un tipo reversibile di demenza (molto diversa dalla demenza causata dal morbo di Alzheimer) nei pazienti anziani.
      Fonte:
      Australia: https://www.healthed.com.au/clinical-articles/vitamin-b12-deficiency/ e https://mthfrsupport.com.au/2015/03/vitamin-b12-reference-range-level-set-low/
      USA: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15681626
      La mia opinione su questo: consultare sempre un medico / medico circa i tuoi problemi di salute. Leggi i siti Web medici rispettati, ma non affidarti mai ai consigli che leggi su Internet. Se sei vegano o consumi una grande quantità di alcol, informi il medico; lui / lei può raccomandare integratori di B12. Per la maggior parte di noi, la maggior parte delle volte, riceviamo più che sufficienti B12 nelle nostre diete.
      Per ripetere il disclaimer: non ho un background medico. Consultare sempre il proprio medico di famiglia / medico per un consiglio medico.

I commenti sono chiusi.

Menu